slider01 slider02 slider03 slider04 slider05 slider06 slider07 slider08 slider09 slider10 slider11 slider12 slider13 slider14 slider15 slider16 slider17
   

Il KENDO
Il Kendo è una disciplina marziale straordinaria e antichissima. Fino al 1500 le due armi più importanti in uso erano la spada e l'arco. Con l'arrivo delle armi da fuoco nel 600, furono le scuole di uso militare dell'arco (Kyu-jitsu-ryu) che per prime trasformarono l'uso marziale (jitsu) dell'arco in Kyudo cioè "Via del tiro con l'arco", praticando una disciplina oramai priva di scopi pratici, ma con il fine della crescita interiore, sotto l'influsso della filosofia "ZEN", la religione più seguita dai Samurai. Seguendo questo esempio, anche altre scuole marziali cominciarono a trasformare l'uso marziale delle armi in pratica di cammino spirituale. Nel tempo perciò dal Kenjitsu si passò al Kendo.

L'attitudine mentale, le tecniche, i vari metodi di insegnamento, sviluppati negli anni dalle diverse scuole, si sono tramandati fino ai nostri giorni e sono stati fusi in una pratica educativa che contiene ancora tutte le caratteristiche del passato.
Nel 1975 la All Japan Kendo Federation stabilì gli obiettivi fondamentali della pratica del kendo e cioè:

  • Formare mente e corpo ;
  • Coltivare uno spirito vigoroso e, attraverso un rigido e corretto allenamento;
  • Impegnarsi nel migliorare la propria tecnica;
  • Imparare a mantenere un atteggiamento di cortesia e onore;
  • Stare con gli altri con onestà, perseguendo sempre il miglioramento di se stessi.

Ciò renderà la persona capace di amare gli altri, il proprio paese e la società, di contribuire allo sviluppo culturale e di promuovere la pace e la prosperità tra le persone. Ma tante parole servono a poco, la pratica del kendo è un percorso che difficilmente si può spiegare, l'unica via è l'azione




IL NOSTRO LOGO
La scelta della simbologia del Drago è antichissima, ricopre un ruolo egemone nella mitologia asiatica.
Questo perché il Drago è l'incarnazione del concetto di Yang, il Bene/Spirito-Fecondo, associato all'acqua. Il drago è quindi la creatura portatrice di pioggia, nutrimento per le messi e gli armenti, e non il mostro distruttore sputa veleno/fuoco della tradizione occidentale.

Il drago era inoltre simbolo dell'Ime e si riteneva che, al momento della morte, l'Imperatore stesso rivelasse la sua vera natura di drago liberando il proprio spirito di drago ora svincolato dalle catene terrene e libero di ascendere al cielo e/o vigilare sulla città.

Il nome SHO RYU, e i relativi Kanji (昇龍) rappresentano proprio l'ascensione del drago al cielo.

I draghi si riproducono fecondando una perla (nelle loro raffigurazioni, la tengono spesso nelle fauci), che in seguito si schiudeva dando alla luce un nuovo drago.




SHO RYU KAN
Il nostro dojo, nasce come associazione sportiva dilettantistica senza fini di lucro.
L'idea di portare il KENDO in questa area geografica è nato tre anni fa, da Elisabetta Attene e da Jacopo Grandi, in un mometo di ordinaria follia.

Successivamente con l'aiuto di un gruppo di coraggiosi volontari, l'Associazione si è trasformata in un punto di riferimento costante per gli appassionati. Oggi forti nel nostro spirito abbiamo deciso di costrurci una "casa" e di condividerla con tutti coloro, che come noi, dedicano a questa disciplina lacrime e sangue.

 
  SHO RYU KAN KENDO PIACENZA
VIA MATTEOTTI 38/40
GOSSOLENGO (PIACENZA)
info@shoryukan.it

design & engineering by NYARIN